MANGIARE IN LIGURIA - La Guida Internet ai ristoranti, agriturismi, pizzerie e trattorie della Liguria

I Vini spezzini

I Vini che accompagnano i piatti tipici spezzini sono quasi esclusivamente dei bianchi: il più famoso inassoluto è lo Sciacchetrà, vino liquoroso ottenuto dalla fermentazione di uve vermentino, bosco e albarola maturate sui terreni terrazzati delle Cinque Terre e fatte appassire su speciali graticci fino alla fine dell'autunno. Si consiglia di sorseggiare questo vino a fine pasto accompagnato con qualche biscotto casereccio.

Altri vini meno noti, ma non meno squisiti, sono il bianco secco D.O.C delle Cinque Terre, il Levanto prodotto nella vallata di Levanto e la Vernaccia di Corniglia. Nella Val di Magra si producono numerosi tipi di vino: ottimi i bianchi e i rossi di Arcola, dei Colli di Luni (D.O.C) e del piano de l sarzanese.

Ricordiamo i Vermentini di Montecchio, di Marciano e di Sarticola, il Barbera e il bianco di Linero, l'Aleatico di Sarticola. Un doveroso richiamo infine va fatto ai vini prodotti a Tivegna, Ponzò, Riccò, Beverino e Bolano per la loro ottima qualità.


Schede dei migliori Vini liguri



La Gastronomia Spezzina

La  ricetta della "Mesc-ciua" La cucina spezzina è semplice, caratterizzata dall'uso di ingredienti poveri, ma esaltati nei loro sapori dall'uso delle numerose erbe aromatiche che crescono spontaneamente su tutto il territorio provinciale. Nelle ricette il condimento principale è l' olio d' oliva è particolarmente delicato. Tra i primi piatti il più famoso è senza dubbio la mesciua, zuppa a base di ceci, fagioli cannellini, lenticchie e grano farro, condita con olio d'oliva e pepe nero.
La leggenda racconta che le donne spezzine erano solite raccogliere le granaglie che fuoriuscivano dai sacchi durante le operazioni di carico e scarico sulle banchine. Per questo motivo gli ingredienti potevano di volta in volta variare, sia per la quantità che per la qualità.

Vanno poi ricordati i Tagiain ai fasei o conditi con il pesto, la pasta con le acciughe e la caratteristica Capponada fatta con pane secco, bagnato in acqua e aceto, a cui si aggiungono acciughe salate, cipolle, pomodori, basilico, capperi e un po' di peperoncino rosso. Tipici della Val di Magra sono invece i Testaroli (un tipo particolare di "focaccia" non lievitata, cotta nei caratteristici "testi" in coccio) conditi con il pesto o il sugo.

La FarinataTra i secondi piatti a base di carne si ricordano il coniglio in umido o fritto, il pollo alla cacciatora, la trippa in umido, il rognone trifolato e la cima ripiena (pancetta di carne di vitello ripiena di uova, carciofi, piselli, bietole, carote) Molto popolari sono, in tutta la provincia, la focaccia, la farinata di farina di ceci, gli Sgabei (pasta lievitata e fritta), i fiori di zucca ripieni e le torte d'erbi o torte di verdura, un tempo servite come contorno.

Pesce fresco del GolfoI piatti di pesce sono numerosi: si utilizzano prevalentemente acciughe, baccalà e muscoli. Sono cucinati fritti, ripieni, in bianco, marinati (a scabeccio) o conservati sotto sale e olio. Lo stoccafisso e le seppie, invece, vengono quasi sempre preparati in umido. Un cenno particolare deve essere fatto a due piatti, la zuppa di datteri e le frittelle di bianchetti (gianchetti), che purtroppo sono introvabili perché è stata limitata ( o vietata, nel caso dei datteri ) la pesca.

I dolci tradizionali sono molto pochi, in ogni caso meritano un assaggio il budino fatto con uova, latte, zucchero e cotto a bagnomaria, il castagnaccio fatto con farina di castagne e ricoperto di pinoli e uvetta ed infine la famosa Spongata sarzanese, ricchissima di canditi, marmellata e frutta secca.

La Ricetta della Mesc-ciua
Tutte le più famose Ricette tipiche liguri


Territorio, Musei e Accoglienza in Provincia della Spezia